Quale categoria la interessa?

AUTORIZZAZIONE TPP

Trasporto professionale di persone con veicoli delle categorie B o C, delle sottocategorie B1 e C1 oppure della categoria speciale F.

Il trasporto di persone professionale con biciclette-risciò con motore elettrico non necessita di un’autorizzazione,se viene effettuato con una licenza di condurre della categoria B o della categoria speciale F.

Autorizzazione TPP

Il trasporto di persone professionale con biciclette-risciò con motore elettrico non necessita di un’autorizzazione,se viene effettuato con una licenza di condurre della categoria B o della categoria speciale F.

Esempio: per questo motivo, la licenza per il trasporto professionale di persone per la categoria B può essere ottenuta al più presto all’età di 19 anni, poiché è necessario 1 anno di pratica di guida con la categoria B.

Visita di un medico di fiducia

è necessaria una visita.

Esame della vista

con ogni domanda di rilascio della licenza per allievo conducente, non deve risalire a più di 24 mesi fa.

Epilettici

sono ammessi a circolare soltanto sulla base di un certificato d’idoneità rilasciato da un neurologo o da parte di un medico specialista in epilessia.

Esame teorico complementare

sì, per i taxi. ne sono dispensati i trasporti di scolari, di persone disabili e di lavoratori, le ambulanze, nonché il trasporto di persone professionale con veicoli la cui velocità massima, in ragione del genere di costruzione, non supera i 30 km/h.

Validità licenza per allievo conducente

non è necessaria alcuna licenza per allievo conducente

Esame pratico

sì, se si vuole acquisire l’autorizzazione TPP per le categorie B, B1 oppure F.

Su richiesta, al titolare della licenza di condurre delle categorie C o C1 – a condizione che possa comprovare una pratica di guida senza lamentele con un autoveicolo durante almeno un anno prima dell’inoltro della domanda – sarà rilasciata l’autorizzazione 121 per il trasporto professionale di persone, senza ulteriore esame.
Il titolare della categoria C1 deve aver superato l’esame teorico complementare.

Ai titolari di una licenza di condurre delle categorie D o D1 sarà rilasciata l’autorizzazione per il trasporto professionale di persone, senza ulteriore esame.
I titolari di licenze di condurre in formato carta di credito, che hanno ottenuto la categoria D1 3,5t; 106 sulla base della licenza di condurre blu della categoria B, devono, per ottenere l’autorizzazione TPP, prima superare l’esame teorico e pratico (codice 121) o l’esame pratico (codice 122), oppure acquisire la sottocategoria D1.

Autorizzazioni supplementari

Chi supera l’esame pratico con un veicolo della categoria B, può eseguire anche l’esame TPP con veicoli della cat. C (ambulanze pesanti) o della sottocategoria C1 (automobili pesanti, ambulanze), a condizione che sia in possesso della corrispondente categoria di licenza di condurre e che sia titolare della licenza di condurre della categoria B (o della categoria C risp. della sottocategoria C1) da almeno un anno senza infrazioni.

Promemoria per il trasporto di scolari
Promemoria per autisti di ambulanze

Autorizzazione TPP

Un veicolo a motore della categoria della licenza con il quale saranno effettuati i trasporti professionali di persone.

Autorizzazione TPP

Vista
Acuità visiva occhio più sano: 0,8 / occhio meno sano: 0,5
(misurati separatamente)
Campo visivo Campo visivo orizzontale di almeno 140 gradi. Estensione verso destra e verso sinistra di almeno 70 gradi. Estensione verso l’alto e verso il basso di almeno 30 gradi. Il campo visivo centrale di ogni occhio deve essere normale fino a 30 gradi.
Diplopia Motilità oculare normale (nessuna diplopia)
Acuità visiva crepuscolare e sensibilità all’abbagliamento Nessuna riduzione importante dell’acuità visiva crepuscolare. Nessun aumento importante della sensibilità all’abbagliamento.
Udito
  • Voce di conversazione a 3 m per ogni orecchio. In caso di sordità da un orecchio: 6 m.
  • Nessuna malattia grave dell’orecchio interno o medio.
Alcol, stupefacenti e medicamenti psicotropi
  • Nessuna dipendenza.
  • Nessun abuso avente ripercussioni sulla guida.
  • Nessuna terapia sostitutiva.
Disturbi psichici
  • Nessun disturbo psichico associato a ripercussioni significative sulla percezione della realtà, sulla capacità di elaborare e valutare informazioni, sulla capacità di reazione e di adattamento alla situazione.
  • Nessuna alterazione delle riserve funzionali.
  • Nessun sintomo maniacale o di depressione grave.
  • Nessun disturbo rilevante della personalità, in particolare di tipo dissociale.
  • Nessuna riduzione rilevante della capacità intellettiva.
  • Nessun disturbo affettivo o schizofrenico di rilievo, con recidive o a progressione fasica.
Disturbi cerebrali di origine organica
  • Nessuna malattia che alteri la capacità cerebrale.
  • Nessun disturbo psichico di origine organica.
Malattie neurologiche
  • Nessuna malattia o conseguenza di lesioni od operazioni del sistema nervoso centrale o periferico.
  • Nessun disturbo o perdita dello stato di coscienza.
  • Nessun disturbo dell’equilibrio.
Malattie cardiache e circolatorie
  • Nessuna malattia associata a un elevato rischio di insorgenza di dolori parossistici, episodi di malessere, riduzione dell’irrorazione sanguigna cerebrale risultante in una riduzione dell’efficienza, in alterazioni dello stato di coscienza o in altre menomazioni dello stato generale permanenti o parossistiche.
  • Nessun disturbo significativo del ritmo cardiaco. Test da sforzo normale in presenza di una malattia cardiaca.
  • Nessuna anomalia della pressione arteriosa che non possa essere normalizzata mediante trattamento.
Malattie metaboliche
  • In presenza di diabete mellito a causa del quale possono insorgere un’ipoglicemia, quale effetto collaterale di una terapia, oppure sintomi generali di iperglicemia, viene meno l’idoneità alla guida per la categoria D o la sottocategoria D1.
Per la categoria C o la sottocategoria C1, per il permesso per il trasporto professionale di persone e per gli esperti della circolazione l’idoneità alla guida può sussistere in condizioni particolarmente favorevoli.
  • Nessun’altra malattia metabolica che abbia ripercussioni sulla capacità di guidare con sicurezza un veicolo a motore o che pregiudichi l’efficienza nella guida.
Malattie degli organi respiratori e addominali Nessuna malattia caratterizzata da eccessiva sonnolenza diurna e nessun’altra malattia o limitazione che incida sulla capacità di guidare con sicurezza un veicolo a motore o che pregiudichi l’efficienza nella guida.
Malattie della colonna vertebrale e dell’apparato locomotore Nessuna malformazione, malattia, paralisi, nessuna conseguenza di lesioni od operazioni avente ripercussioni significative sulla capacità di guidare con sicurezza un veicolo a motore e non sufficientemente correggibile mediante appositi ausili.